Ognuno di noi è Monna Lisa

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su print
copertina articolo Ognuno di Noi è Monna Lisa
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su print

Quante “Gioconde”! Le crea Edy Gree, visual artist nata in Polonia, con la Sicilia nel cuore.
Arista poliedrica, ha vissuto nell’Isola diversi anni, dedicandosi alla ricerca e alla sperimentazione. 

Intreccia luoghi e persone, aspirazioni e ispirazioni, sogni e desideri. Si rimane incantati parlando con Edy Gree.
Lei emana il fascino dell’artista. La sua creatività è intrinseca, espressione di estro e genialità.
Così, se si è quasi sopraffatti dalla sua continua e costante ricerca di comunicazione e di sperimentazione affidata all’arte, si delinea, dulcis in fundo, una soave sensibilità.
La creatività l’ha sempre voluta ascoltare, indirizzare, nutrire, tutelare.

Per farlo ha portato avanti un chiaro principio: osare, affidarsi al coraggio per seguire la propria originalità. In questa sua forte convinzione che contraddistingue il suo linguaggio artistico e che manifesta, senza interruzione, input nuovi in grado di risvegliare fantasia e sensi, la Sicilia ha avuto un ruolo determinante.

L’artista Edy Gree, che adesso è residente a Bergamo, ha fatto tesoro della sua esperienza maturata nell’Isola, una terra che definisce calda e accogliente. La chiama «casa» e la porta sempre nel cuore

Ritratto di Edy Gree

EDY GREE
Visual Artist, nata in Polonia.
Inizia da autodidatta ed entra ufficialmente nel mondo dell’arte contemporanea nel 1996, con l’apertura di uno spazio espositivo privato a Deruta. Nei suoi lavori, sin da subito, emerge l’orientamento alla sperimentazione, con l’uso di materiali e tecniche tipiche della scultura. Si trasferisce poi in Sicilia, dapprima a Catania, poi a Taormina, dove nel 2009 apre un spazio espositivo. Dal 2013 approfondisce l’utilizzo di materiali non convenzionali, come il cemento fotocatalitico. Nel suo percorso di sperimentazione e ricerca artistica, rimane affascinata dai processi di lavorazione dell’acciaio, del ferro e del rame. Al centro dei suoi lavori l’Uomo, con il suo Io e la sua Unicità.

Cosa è per lei la creatività?
La creatività è uno stile di vita, un metodo con il quale possiamo affrontare le nostre giornate e anche gli eventi che ci travolgono.
E non è solo espressione della modalità con cui
fare le cose, ma è il modo di essere, un valore a sé, visto come indipendenza di spirito, libertà dalle gabbie del pensiero.
Nella mia arte, in particolare, è quel continuo e costante bisogno di rinnovarsi nelle tecniche, nei materiali e nel linguaggio, per raccontare concetti che ci appartengono, senza cadere in un monologo noioso e monotono.
Tutti siamo soggetti ai cambiamenti, all’aggiornamento dei nostri pensieri.
Cerco quindi di stare al passo con i tempi, comunicando e raccontando l’animo umano e le sue complessità. 

edy gree sicilia
opera della visual artist Edy Gree

Quanto ha influito nel suo percorso artistico l’esperienza in Sicilia?
Gli anni della mia permanenza in Sicilia rappresentano un periodo intenso, produttivo e stimolante che ha fortemente influenzato la mia arte.
Sono stati gli anni in cui, tra progetti pubblici e nuove sperimentazioni nel mio atelier, sono nate tante collezioni che hanno anticipato i miei futuri lavori e dove la ricerca, svolta in quel periodo, è guida tutt’oggi nelle mie opere.

Se guardo alla Sicilia, penso ad una casa. Ed è una casa piena di ricordi, colma di affetto, di calore umano e di amicizie, di esperienze e di profumi . Una casa nella quale c’è sempre qualcuno pronto ad accogliermi e farmi sentire come se non mi fossi mai allontanata.

opera di Edy Gree . Collezione Noi -2018
█ Opera della collezione Noi 2018

” La Sicilia è come una casa piena di ricordi, colma di calore umano e di amicizie, di esperienze e di profumi. Una casa nella quale c’è sempre qualcuno pronto ad accogliermi e farmi sentire come se non mi fossi mai allontanata “

Uno dei suoi ultimi progetti, Monnalisa Experience 2020, sta riscontrando un particolare favore, a livello internazionale, da parte di collezionisti privati. Di cosa si tratta? 
Monnalisa Experience è la mia più recente collezione, ma non la prima, realizzata con tecniche digitali.
Dopo svariati anni di lavorazioni materiche, il passaggio alle espressioni digitali e alle nuove tecnologie mi ha portato ad avvicinarmi ad un linguaggio facilmente comprensibile, contemporaneo e nel quale tutti noi possiamo ritrovarci.

La Gioconda è una delle opere d’arte più conosciute al mondo. La sua iconicità non può essere confusa. La Monna Lisa della mia collezione è una celebrità che racchiude, di volta in volta, elementi familiari, come i dipinti di Mirò, Picasso, richiami pop, supereroi, personaggi di fiabe e tanto altro. Non si tratta di “correggere ” un capolavoro, ma renderlo attuale, utilizzando un linguaggio semplice e contemporaneo: possiamo così identificarci nella figura di Monna Lisa, sia per la sua unicità, sia per la preziosità, ma anche per il senso del mistero che nel tempo le è stato attribuito.
E poi ognuno di noi è Monna Lisa, con tutti i suoi difetti, limiti, pregi, meravigliose sfumature e contrasti, colorati dai nostri temperamenti.

edy gree monnalisa experience
█ N.31. Monnalisa Experience 2020 è una collezione che comprende opere in elaborazione digitale, esemplari multipli realizzati in plexiglass. Ogni opera è numerata e autenticata

Come definirebbe il suo carattere? 
Sono una persona intransigente, sia con me stessa che con gli altri. Trovare altri aggettivi con cui definirmi non è semplice. Sicuramente sono una gran rompiscatole, complicata sì, ma ottimista.

Il primo lockdown ci ha preso tutti di sorpresa. È stato pesante, difficile, drammatico per tutti. Lei come l’ha vissuto?
Essendo residente a Bergamo ho vissuto appieno l’emergenza. L’arte mi ha fatto compagnia, mi ha permesso di restare connessa con il mondo che, come me, era chiuso in casa. Ho cercato di continuare ad essere la persona che sono, ottimista e combattente. Non ho quindi permesso a me stessa di vivere passivamente quel periodo, ma ho intrapreso nuovi progetti, propositivi per il futuro. Tra questi, a novembre, mentre la Lombardia era nuovamente in chiusura totale ho allestito una mostra che rimane illuminata giorno e notte, ininterrottamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *